Lorem ipsum gravida nibh vel velit auctor aliquet. Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum. Sofisticur ali quenean.

Blog

stress

Chi non è stressato al giorno d’oggi? Lo stress è definito da molte persone, anche operatori del settore medico, la malattia del secolo. Si pensa che sia la causa di diverse patologie, psicomatiche sì ma spesso anche organiche e fisiologiche. Altri, invece, sostengono che la stanchezza psicofisica sia spesso una scusa per mascherare pigrizia o indolenza. Chi vince questo annoso confronto che ha molti contraddittori all’interno della sua concettualità?

Cos’è lo stress

“Stress” è una parola molto generica che, in medicina, non ha un significato preciso. Diciamo che si tratta di una condizione che ogni individuo percepisce soggettivamente e alla quale dà un’importanza e una connotazione particolare e personale. In linea di massima potremmo definire lo “stress” una condizione psicofisica che prevede:

  • stanchezza fisica;
  • affaticamento psicologico, cerebrale;
  • nervosismo;
  • eccessiva eccitazione, intesa con accezione negativa.

Si tratta quindi di una condizione di oggettivo malessere, che però ogni persona avverte secondo la sua sensibilità.

I sintomi dello stress

Abbiamo elencato nel paragrafo precedente i sintomi generici dello stress. Ma, in realtà, come ci si accorge nello specifico se si è troppo stressati? Ecco quali sono i campanelli d’allarme che il nostro corpo utilizza per lanciarci il messaggio “frena, rallenta, riposa”.

  • Intolleranza a tutto, cioè nervosismo estremo, scatti d’ira, incapacità di gestire le situazioni, di trovare soluzioni, vedere tutto come se fosse un problema insormontabile;
  • insonnia, a causa dei livelli di adrenalina e cortisolo troppo elevati;
  • disturbi alimentari quindi calo di appetito o, al contrario, fame compulsiva;
  • disturbi gastointestinali come nausea, mal di pancia, crampi addominali da ansia, irregolarità intestinali;
  • alterazioni del ciclo mestruale;
  • problemi a carico dei tessuti connettivi quindi acne, eczemi, perdita di capelli.

Cosa fare se si è stressati

Quando lo stress è forte e provoca veri e propri sintomi e problemi fisici, significa che il nostro corpo e la nostra mente non sono più in grado di sostenere i ritmi ai quali li stiamo costringendo. Non ascoltare questi campanelli e continuare imperterriti a pretendere troppo da noi stessi significa andare inevitabilmente incontro a patologie vere e proprie. A causa dello stress, infatti, conclamatamente si può incorrere in:

  • alterazioni importanti del ritmo sonno-veglia con conseguente poca lucidità mentale;
  • patologie psicosomatiche come chiazze sulla pelle, eczemi pruriginosi, acne, rosacea, alopecia;
  • patologie gastriche come la gastrite o, nei casi peggiori, l’ulcera.

In tutti questi casi è necessario prendersi una pausa fisica e mentale. E’ comprensibile che sia una cosa difficile, soprattutto quando si hanno figli e carriera da gestire, ma non farlo potrebbe compremettere gravemente il proprio stato di salute e qualità della vita.

E’ sempre stress?

Esiste però il rovescio della medaglia. In alcuni casi si tende a sottovalutare una sintomatologia attribuendola allo stress. Questo è sbaglato almeno quanto prendere sottogamba la stanchezza psicofisica. Quando si hanno dolori o disturbi oggettivi, prima di stabilire che “è solo affaticamento” è necessario rivolgersi a un medico e chiedere che vengano effettuati tutti gli accertamenti del caso per escludere patologie organiche.

 

Tu come affronti lo stress? Hai qualche rimedio efficace che vorresti condividere con noi? Scrivicelo nei commenti! Hai mai pensato a un massaggio relax per combattere la stanchezza? Se vuoi provare questo metodo, contattaci!

 

Leave a Comment: