Blog

La paura del rifiuto ( o sindrome abbandonica) è una condizione mentale che può creare disagio e delle forti problematiche nell’affrontare la vita quotidiana e soprattutto le relazioni di coppia.
Ma da cosa nasce la paura del rifiuto e perché ci condiziona così tanto la vita?

La paura del rifiuto, una condizione mentale

Spesso non ci si pensa, ma la paura del rifiuto è una condizione che si crea a partire dalla primissima infanzia e che poi si traduce in comportamenti sfuggenti e asociali, da adulti. Se un bambino da piccolo viene rifiutato, criticato per  ogni cosa che fa o che prova a fare, con ogni probabilità da adulto svilupperà una sorta di dialogo interno con se stesso, basato sull’autocritica e sull’ auto-rimprovero.

Il bambino che vive una simile condizione, da grande si convincerà di non meritare l’amore degli altri, né la fiducia o la stima. Non riuscirà a distinguere una critica oggettiva da un attacco personale e quindi si sminuirà del tutto di fronte a qualsiasi pensiero diverso dal suo.

Le conseguenze nel futuro

L’umiliazione subita si trasformerà in ira irrisolta che darà il via ad una condizione di impotenza nei confronti degli altri. Da adulto sarà una persona che tenderà all’isolamento e alla perdita di autostima, sviluppando la cosiddetta paura del rifiuto.
In queste circostanze l’incontro con lo psicologo può servire a individuare le cause della paura del rifiuto, sperimentando nuove modalità per affrontare le situazioni temute. 

Continuare a vedere il “no” come unico esito nella propria vita è un po’ come ridurre il proprio campo visivo, ostinarsi a guardare un frammento di cemento per terra piuttosto che l’intero paesaggio circostante.

Il rifiuto, una ferita che si riapre spesso

Purtroppo il rifiuto subito da bambino è una ferita che può aprirsi in qualsiasi momento della vita da adulto e riprendere a sanguinare. E’ necessario imparare ad affrontare questo rifiuto per non lasciarsi condizionare durante la nostra vita da adulti.

Se hai bisogno di un consulto non esitare a contattare info@wellnesstation.it

Leave a Comment: