Blog

La depressione invernale è un fenomeno molto diffuso, con l’arrivo dell’inverno le giornate si accorciano, le ore di luce diminuiscono e le temperature scendono. Questi fattori spesso incidono negativamente sull’umore causando malessere  e tristezza.

La depressione invernale, fare il pieno di luce

Combattere il malumore e la depressione invernale è possibile. basta puntare su rimedi naturali e su un insieme di accortezze vincenti. La luce gioca un ruolo centrale nel sincronizzare l’orologio biologico, un primo suggerimento è quello di approfittare dei raggi solari il più possibile.

Se non si può uscire all’aria aperta è sufficiente aprire le tapparelle appena svegli. In alternativa, può essere utile anche optare per una sorgente di luce artificiale molto intensa.

Curare l’alimentazione

Scegliere accuratamente cosa portare in tavola è fondamentale tutto l’anno, non solo in inverno. Durante i mesi più rigidi, è importante optare per cibi leggeri e nutrienti, che supportino e riscaldino l’organismo.
Prediligere quindi carni bianche, pesce, frutta e verdura di stagione, latticini magri, zuppe e legumi. Banditi alimenti elaborati e grassi come alcolici.

Praticare attività fisica 

Fare attività sportiva aumenta i livelli di serotonina, endorfina e dopamina che tendono ad abbassarsi quando si è depressi. Allenarsi con costanza aiuta a mantenere il peso sotto controllo e a scolpire la muscolatura. Fare movimento aumenta l’irrigazione sanguigna, rinforza l’organismo e genera uno stato di benessere.

Prendersi cura di se stessi e chiedere supporto

Prendersi cura di se stessi aiuta a ritrovare il sorriso: anche solo variare il proprio taglio di capelli può aumentare la propria autostima e il proprio benessere.
Se si è schiavi del malumore, infine, può essere utile anche concedersi un massaggio, un trattamento personalizzato o semplicemente ritagliare del tempo da dedicare alle proprie passioni.

Se hai bisogno di un consulto non esitare a contattare info@wellnesstation.it

 

di Arianna Granziero 

Leave a Comment: